23 ott 2017

   

0851

/

0149

Sblocca edilizia: più semplicità, meno documenti e meno tasse

Infografica: Sblocca edilizia: più semplicità, meno documenti e meno tasse

Sblocca edilizia

Più semplicità, meno documenti e meno tasse: ecco le nuove regole per la manutenzione e l’acquisto di immobili.

Inizio lavori: basta una comunicazione al comune

  • Cambiano le regole per l’inizio dei lavori di divisione o accorpamento di appartamenti ed esercizi commerciali: basta una comunicazione al Comune.
  • Si risparmia tempo (dai 3 ai 5 mesi) e denaro (nessun “contributo di costruzione”: una tassa in meno).

Manutenzione straordinaria: basta una dichiarazione di un tecnico

  • Per i lavori di manutenzione straordinaria di abitazioni e fabbricati d’impresa sarà sufficiente una dichiarazione di un tecnico, oltre alla comunicazione al Comune. Questa procedura è valida anche ai fini catastali.

Deduzioni IRPEF del 20%: per acquisto e affitto alloggi a canone concordato

  • Chi compra un alloggio nell’intervallo 1 gennaio 2014 – 31 dicembre 2017 e lo affitta a canone concordato per 8 anni, avrà diritto a una deduzione IRPEF del 20% sul prezzo d’acquisto dell’immobile, sino a un massimo di spesa di 300mila euro.

Materiale destinato alla stampa:
Scarica PDF "Sblocca edilizia" Scarica JPG "Sblocca edilizia"