27 lug 2017

   

0939

/

0061

Approvata la riforma degli Appalti, dal 18 aprile il nuovo codice

Infografica: Approvata la riforma degli Appalti, dal 18 aprile il nuovo codice

Semplificazione, efficacia, trasparenza e più controlli dell’anticorruzione per rilanciare  il sistema dei lavori pubblici italiani nel rispetto delle norme Ue

I Principi della Riforma

Semplificazione ed efficacia

Riduzione del numero delle norme da 660 a 217, inserite in un unico corpus normativo più snello: il nuovo codice appalti.

Armonizzazione delle misure di trasparenza, tracciabilità delle procedure di gara.

Abbattimento degli oneri documentali ed economici a carico dei soggetti partecipanti.

Rito accelerato per le controversie su ammissioni ed esclusioni degli operatori economici per carenza dei requisiti.

Garanzia globale obbligatoria per i lavori di rilevante entità per garantire la continuità  dell’esecuzione dell’appalto.

Contenimento del ricorso alle varianti in corso d’opera possibili solo per cause impreviste e imprevedibili.

Controllo e trasparenza

Più ruolo per l’Anticorruzione (ANAC) che gestirà l’albo dei Commissari di gara e qualificherà le stazioni appaltanti.

Procedure non derogabili salvo emergenze o esigenze di segretezza fermo restando il controllo e la pubblicità successiva.

Il MIT terrà l’albo dei collaudatori e la banca dati per la verifica dei requisiti.

Pubblicazione sulla piattaforma digitale ANAC di tutti i bandi di gara.

Più condivisione e informazione verso i cittadini sulle grandi opere attraverso il “dibattito pubblico”.

Apertura e crescita del mercato

Più risorse per gli investimenti pubblici e nuove modalità di attrazione dei fondi privati.

Maggiore regolazione del criterio del prezzo più basso o del massimo ribasso d’asta e prevalenza dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Subappalto più tutelato con il pagamento diretto dei subappaltatori da parte delle stazioni appaltanti.

Riduzione della quota di lavoro “in house”  per i concessionari di lavori o di servizi pubblici con affidamento all’esterno dell’80% delle attività.

Criteri di aggiudicazione e condizioni di esecuzione non discriminati per chi è in condizione di disabilità.

Materiale destinato alla stampa:
Scarica PDF "Infografica: Codice appalti" Scarica JPG "Infografica: Codice appalti"