27 lug 2017

   

0939

/

0061

Riforma dell’editoria

Infografica: Riforma dell’editoria

Approvato alla Camera il “ddl editoria”.

I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA

  • Per la prima volta viene istituito un Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione a sostegno dei giornali editi da cooperative di giornalisti senza fine di lucro e da enti no profit che esercitino un’attività informativa autonoma e indipendente.

Il Fondo è quindi rivolto prevalentemente ai giornali locali, che più di quelli nazionali soffrono per il calo delle vendite e della pubblicità.

  • Mai più finanziamenti a pioggia, ma sostegno ai giornali in diretta relazione alle copie effettivamente vendute e non soltanto distribuite.
  • Esclusione da ogni finanziamento per i giornali i cui editori non rispettino i contratti collettivi nazionali di lavoro.
  • Tetto al finanziamento fissato al 50% dei ricavi dell’anno precedente: i giornali devono dimostrare di saper stare sul mercato con le loro forze.
  • Mai più corsie preferenziali di finanziamento pubblico per i giornali dei partiti e dei sindacati.
  • Più sostegno economico ai giornali che rafforzano la loro presenza su internet e che arricchiscono la loro offerta giornalistica online.
  • Bandi annuali esclusivi finalizzati a finanziare start up
  • Incentivazione fiscale degli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani e periodici, con particolare riguardo agli inserzionisti di micro, piccola e media dimensione e alle start up.
  • Informatizzazione e liberalizzazione della rete di distribuzione e vendita dei giornali e ampliamento della capacità reddituale delle edicole attraverso l’offerta di altri beni e servizi.
  • Riforma e sburocratizzazione dell’Ordine dei giornalisti.

 

Materiale destinato alla stampa:
Scarica PDF "Riforma dell’editoria" Scarica JPG "Infografica: Riforma dell’editoria"